La Biblioteca dello Sport

La Biblioteca dello Sport di Caserta si è formata nel corso di vari decenni, a partire dalla costituzione del comitato del Coni nel dopoguerra, ma ha preso vigoroso impulso soprattutto dagli anni ‘70. Per tutti questi anni sono state conservate accuratamente tutte le pubblicazioni pervenute a vario titolo: acquisti, doni  o scambi. Oltre alle opere ed ai periodici inviati dalla sede centrale, molto hanno contribuito gli stessi componenti del direttivo, delle Federazioni sportive o anche i docenti di Educazione fisica legati alla locale sede del Coni. Si tratta di grandi opere (enciclopedie; dizionari, repertori, trattati), di monografie e di periodici, specializzati nelle varie discipline sportive e in altre materie comunque afferenti allo sport, come ad esempio la medicina dello sport; la sociologia; l'etica; fino alla letteratura sportiva.

Una particolare attenzione è stata data alla raccolta delle pubblicazioni locali che costituisce una documentazione preziosissima per la ricostruzione storica degli eventi sportivi e dei loro protagonisti del nostro territorio. Molto spesso queste pubblicazioni non sono state censite dalla Bibliografia Nazionale Italiana (BNI) per le più varie ragioni, quasi sempre imputabili a disinformazione degli autori o degli enti che ne hanno sostenuto la stampa. In tal caso la loro presenza in questa Biblioteca è particolarmente significativa ed importante.

Considerata la consistenza e la peculiarità della raccolta librarie a documentaria, il Comitato provinciale del Coni ha deciso di aprire al pubblico la Biblioteca, organizzandola con i criteri più appropriati, prima in alcune sale presso la propria sede in via Colombo a Caserta, poi dal maggio 2014 presso i locali appositamente attrezzati nel Polo Museale e Culturale della Provincia allocato nella storica ed artistica villa Vitrone in via Fulvio Renella a Caserta.

Scorrendo il panorama delle biblioteche sportive in Italia si osserva che delle circa 80 strutture censite, nessuna si trova nelle regioni meridionali. Questa di Caserta, dunque, è la prima ad aprirsi per soddisfare una domanda molto estesa e molto sentita in tutte le fasce di cittadini, per età, per condizione sociale, per attività e così via.

La Biblioteca, dunque, si propone un duplice scopo: da un lato raccogliere, ordinare, catalogare, valorizzare e conservare la pubblicistica sportiva, in qualunque formato (cartaceo, ottico, magnetico, digitale, ecc.) per renderla disponibile agli utenti; da un altro lato venire incontro ad un bisogno di informazione, di conoscenza e di approfondimento di una materia che è normalmente trascurata dalle altre biblioteche.

gli orari della biblioteca